EuroChem: a pieno ritmo anche con gli idrosolubili!

EuroChem portando con se il suo importante know-how in termini di conoscenza e tecnologia applicata ai fertilizzanti già da un paio di anni ha l’ambizione di offrire al mercato dei prodotti idrosolubili di altissimo livello tecnologico (solubilità elevata; assenza di impurità, di metalli pesanti, di cloro e sodio) e con un rapporto qualità/prezzo altamente competitivo.

Concimazione potassica, cosa sapere per farla al meglio

Dopo l’azoto (N), il potassio (K) è l’elemento nutritivo maggiormente assorbito dalle piante, per mezzo delle radici, dalla soluzione del suolo. È un elemento coinvolto in innumerevoli processi che lo rendono essenziale per la nutrizione delle piante, che però ne utilizzano efficacemente solo la frazione che si trova nelle fasi liquida e scambiabile del suolo.

Nutrire il vigneto, migliorare il vino

Abbiamo intervistato Riccardo Cotarella dell’Università della Tuscia che, assieme a EuroChem Agro, sta portando avanti il progetto per capire l’importanza della fertilizzazione minerale della vite sulla qualità organolettica dei vini e perfezionarne l’utilizzo.

Maire Tecnimont insieme a EuroChem per un impianto in Russia

Maire Tecnimont rafforza la sua presenza in Russia. Il gruppo italiano attivo nel settore ingegneristico ha firmato con EuroChem, azienda svizzera di fertilizzanti, un Memorandum d’Intenti. In base a questo accordo le controllate di Marie Tecnimont – Tecnimont S.p.A. e Tecnimont Russia Llc – sono state selezionate per sviluppare i servizi di “Early Works”, con conseguente estensione – nell’eventualità che i piani di investimento di EuroChem proseguano come pianificato – alle attività di ingegneria e di costruzione, relative a un nuovo impianto di produzione di urea e ammoniaca situato a Kingisepp, nella Russia nordoccidentale.

Reddito del grano, l’importanza della nutrizione

Professionalità, conoscenze tecniche e strategie commerciali sono fattori fondamentali per fare reddito con qualunque coltura e il grano duro non solo non fa eccezione, ma è probabilmente una delle produzioni agricole che può trarne i maggiori benefici, sia dal punto di vista quanti-qualitativo, sia economico.